Contro il cancro, sempre più Lions in prima fila!

Sabato 18 novembre, nella “strapiena” Aula Magna dell’Università di Asti, si è tenuto il tradizionale Convegno aperto al pubblico intitolato “Le nuove strade della ricerca nella lotta contro i tumori”, organizzato quest’anno da ben 17 Club Lions e sponsorizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e dalla LILT astigiana, con la presenza di sei importanti ricercatori.

Copia di slide veronesi fineIl primo tema è stato affrontato dal prof. Fabio Malavasi e dalla prof.ssa Ada Funaro che ci hanno ragguagliato sugli importanti studi che hanno permesso di scoprire una molecola tumorale di superficie coinvolta nella diffusione delle metastasi e, soprattutto, di poterne bloccare gli effetti.
Il prof. Paolo Veronesi e la dott.ssa Elena Guerini Rocco (dello IEO di Milano fondato dal compianto prof. Umberto Veronesi) ci hanno parlato del ruolo del BRAC1 E BRAC2 nel tumore della mammella che ha permesso di individuare -sempre più precocemente ed efficacemente- le donne che presentano questi geni e che hanno un’altisima probabilità di essere colpite da questo tumore. È seguita la relazione del chirurgo plastico che ha mostrato i risultati, anche di natura estetica, di asportazione profilattica del seno nelle situazioni a rischio.

Infine la dott.ssa Elisa Tirtei e la dott.ssa Ivana Ferrero, del Regina Margherita di Torino, hanno trattato dell’immunoterapia come prospettiva -emergente e molto promettente- nella cura dei sarcomi pediatrici caratterizzati da un’elevata aggressività. Ricordiamoci che l’oncologia pediatrica, soprattutto quest’anno, è di particolare importanza per tutti noi Lions.

Le conclusioni, affidate al dott. Claudio Lanfranco, hanno posto in evidenza -come evidenziato da tutti i relatori- su come l’oncologia sia sempre più di precisione e stia producendo migliori risultati sulla cura e guarigione di molti tumori.

La presenza del prof. Paolo Veronesi ha assicurato la continuità del tradizionale incontro annuale che aveva visto, sempre come protagonista e fin dal 1992, il padre Umberto.

Al termine sono stati consegnati alla Fondazione Molinette di Torino e all’Istituto Oncologico Europeo i premi di 10.000 € complessivi messi a disposizione della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e dalla LILT di Asti.

Infine, i 17 Lions Club piemontesi, raccogliendo l’invito del Lions Club Villanova d’Asti e del Lions Club Asti Host, che si sono fatti intero carico dell’organizzazione dell’evento, hanno consegnato, insieme e grazie anche ai Club di Servizio astigiani, 4.000 € all’Ospedale Regina Margherita di Torino.

 

Share Button